Dal 24 al 26 ottobre 2019 si terrà a Monza il Quarto Congresso Giuridico Forense per l'aggiornamento professionale organizzato dall' Ordine degli Avvocati di Monza, in collaborazione con la Fondazione Forense di Monza e le associazioni forensi territoriali maggiormente rappresentative (Camera Civile, Camera Penale, AIGA, Camera amministrativa, AIAF e Comitato per le Pari Opportunità) oltre che con il patrocinio degli Ordini di Como, Lecco e Sondrio che saranno rappresentati dai propri Presidenti.

Anche per questa edizione è stato richiesto il patrocinio del Consiglio Nazionale Forense, della Scuola Superiore dell'Avvocatura e dell'Unione Lombarda Ordini Forensi.

Il tema di questo congresso è quello della Tutela dei diritti fondamentali in ambito nazionale ed europeo.

Come sapete i diritti fondamentali si ispirano alle tradizioni costituzionali degli Stati membri dell'UE ed ai Trattati internazionali per la tutela dei diritti umani che, nel tempo, sono stati modificati per adeguarli alla crescente domanda di protezione di questi diritti e che sono culminati nel Trattato di Nizza del 2001 e nel Trattato di Lisbona del 2007.

La tutela giurisdizionale di questi diritti viene garantita dalla Corte Costituzionale in ambito interno e dalla Corte europea per i diritti dell'uomo in ambito europeo; abbiamo quindi ritenuto opportuno iniziare il Congresso con una sessione plenaria nel pomeriggio del 24 Ottobre che - oltre ai saluti delle Autorità istituzionali, dei Presidenti dei Consigli dell'Ordine di Como, Lecco e Sondrio e degli esponenti degli organi di vertice dell'Avvocatura - ci fornisca uno sguardo sullo stato attuale della protezione giudiziaria in ambito italiano ed europeo, grazie all'intervento di insigni giuristi che operano nell'ambito delle due Corti.

Nella due giornate successive verranno poi approfondite le singole tematiche e si spazierà dai diritti al cibo ed all'acqua, alla tutela dei diritti dei soggetti deboli (minori - incapaci - migranti), alla tutela della persona sottoposta a processa penale, alla tutela dei diritti degli Avvocati sempre più oggetto di crescenti intolleranze da parte delle Autorità di governo in Stati assai vicini al nostro Paese non senza dimenticare anche la tutela di diritti più tradizionali quale il diritto di proprietà e l'aspetto giurisdizionale dei ricorsi sovranazionali per la tutela di questi diritti.

Il Congresso rappresenta un'occasione unica per confrontarsi su tematiche afferenti le principali aree giuridiche, in una manifestazione della complessiva durata di 14,5 ore.

Inoltre la partecipazione è valida ai fini dell'obbligo della formazione professionale continua come prevista dal Codice Deontologico Forense e dal Regolamento del Consiglio Nazionale Forense.


Verranno riconosciuti fino a n. 16 crediti formativi.